Archivi categoria: Barca

Lì, DOVE GUARDA IL GABBIANO

Uscendo dalla darsena, costeggiando cautamente le bricole, i gabbiani ti osservano appollaiati all’apice, dove i tre (o quattro) pali di legno si incontrano. Distolgono lo sguardo dall’orizzonte solo per qualche secondo controllando il tuo passaggio dall’alto della loro postazione. Ogni bricola un gabbiano. Ogni gabbiano perfettamente parallelo a quello successivo sull’altra bricola. Curioso. Ho osservato questa cosa buffa  per tutta l’estate con un sorriso leggero stampato sulle labbra. Mentre gli uccelli si sfregano il becco tra le piume, sonnecchiano appollaiati o si rizzano in piedi per stirare le ali, sono tutti orientati verso la stessa direzione. Sembrano quasi dei lampioni bianchi su una strada: tutti uguali, tutti che illuminano lo stesso punto ogni quindici metri circa. Poi sabato scorso ho iniziato a vedere la laguna da un’altro punto di vista, da una barca a vela. A bordo di una barca a vela l’importanza della natura, dei suoni, delle sensazioni che ti stanno intorno prende tutto un altro valore. Anche i gabbiani e la loro posizione. I gabbiani sono predatori. Fiutano l’aria, e per farlo si posizionano controvento. Tutti. Anche quelli che dormono. Il vento, che è la vita se sei a vela, viene proprio da dove guarda il gabbiano. Se sei a caccia del vento, lì, dove guarda il gabbiano, troverai quello che stai cercando.